- Guglielmo Marconi e la Marina Militare del Regno d'Italia -


Fu consuetudine del grande inventore, dopo le esperienze risolutive sulla TSF telegrafia senza fili nel golfo di La Spezia nel luglio 1897 e le campagne oceaniche sulla Carlo Alberto del 1901-1902, di mantenersi in stretto contatto con la Regia Marina Militare.
Grazie all' uso gratuito dei brevetti Marconi, i suoi tecnici fondando nell' Arsenale di La Spezia le prime officine italiane di costruzione radio e le scuole di addestramento del personale, con la rapida estensione degli impianti a navi e stazioni costiere, portarono notevole contributo alle comunicazioni a distanza ed alla soluzione dei problemi della radiopropagazione.

Qui sopra al centro G. Marconi in mezzo allo Stato Maggiore di una nave da battaglia delle Regia Marina italiana, durante le prove di radiotelefonia fra unita' di squadra con apparati a valvola (1914-1915)




REPERTI